Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 9): Lettere Varie; Parte 1 — Venezia, 1792 [Cicognara Nr. 3-9]

Seite: 277
DOI Seite: 10.11588/diglit.28029#0285
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1792bd9/0285
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
V A R I E * 277

e auspice musâ. Quanto a rae io non ces-
so di paragonare Oràzio con tutti quelli, che

10 hanno tradotto e iinitato , io che mi stu-
dio fidibus hetruscis 'venusinos aptare mo-
dos . Ë in questo esame io amrairô sempre
più quel poeta , vedendo di quale immensa
distanza egli si lasci dietro tutti i tradutto-
ri suoi. Quello, che ne ha lo spirito più
di qualunque altro, è senza dubbio Pope 9
e ben si puô dire che se Orazio avesse par-
lato inglese, non avria parlato con altra lin-
gua che con quella di Pope . E senza dub-
bio in questo luogo egli avria riconosciuto

11 suo vizio, egli, che era il più severo giu-
dice delle cose sue , quanto avria d’ altra
parte goduto sentirsi in bocca di tutti i ve-
nusti uomini, e veder la sua profezia ve-
rificata più oltre che egli non credeva, veg-
gendo i suoî versi durare più del CampE
doglio e della città eterna. Addio .
loading ...