Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 9): Lettere Varie; Parte 1 — Venezia, 1792 [Cicognara Nr. 3-9]

Seite: 278
DOI Seite: 10.11588/diglit.28029#0286
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1792bd9/0286
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
L E T T E R È

2S78

A L S 1 G N O R

N. JNT.

Valsanzibio 15. luglio 17 54·

N o N è dubbio che quanto più gli uo·
inini si vengono innaizando sopra gli altri v
e si fanno di pubblica ragione, altrettanto
1 suol crescere la invidia, che eccitano con-
tro di sè .

Invidia accrevü, privato quœ tninor esset.

Ella è come la tassa, che ha da pagare
al sovrano merito la bassezza altrui. Âi più.
gran capitani fu molte volte da’loro con»
temporanei disdetto sino al valore. Virgi-
lio ebbe i suoi Mevj ; e il Segretario fio-
rentino fu îaeciato d’ignoranza . Autore
principalissimo di tale accusa è il Giovio^
il quale, benchè ne’ suoi Elogj commendi
assai per il suo ingegno il Machiavelli, la·»
sciè scritto che niuna o al più non altro
che una ben mezzana cognizione egli avea

delie
loading ...