Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 9): Lettere Varie; Parte 1 — Venezia, 1792 [Cicognara Nr. 3-9]

Seite: 284
DOI Seite: 10.11588/diglit.28029#0292
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1792bd9/0292
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
2,84 L E T T E R E

II Bernio più grande scrittore che forse norî

si crede dice de! Bnonarroti.

Si ch' egli è tiuûvo Apollo , e rtuovo Apelle „·

I grandi autori e piû serj non sono nem-
meno essi stati schivi di ammettere nelle
loro scritture un qualche bisticcio :

Qucl sol, che solo agli occhi rniei risplende.. „
Del fiorir queste innanzi tempo tempie,

Vi ricorderete che vi ha detto il Petrarca ;

Fuori delV erte vie, fiuori delV arte,

Dante ;

. . . puppesque tuce, piibesque tuorum . . . „
Fit via vi,
ii vostro Virgilio ;

Quid moraris emori?

Catullo ;

. . . <rô yùp yî pa? sVi yipovvuv

ü divino Omero . Che più? l’istesso seve-
ro Neutono è uscito anch egli un tratto in
un bisticcio . In una lunga sua lettera, con-

si-
loading ...