Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 9): Lettere Varie; Parte 1 — Venezia, 1792 [Cicognara Nr. 3-9]

Seite: 285
DOI Seite: 10.11588/diglit.28029#0293
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1792bd9/0293
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
V & R ï E „ 2,85

âigliando a un arnico suo di prendere, non
mi sovviene se in Ungheria o in Italia, cer-
te sperienze di cbimica; queste sono espe-
rienze , dic!egli, luciferous and lucriferous.
Yedete capriola che ha per cosi dire spic-
cata l’Ercole Farnese. La yerità si è, che
questa è una certa tal cosa simile alia no-
ce moscata e all’ambra, con che si condi»
scono i manicaretti e gliodori. Non se ne
vuol fare âbuso, come fa Seneca, forse lo
stesso Petrarca, e il Miltono in quel luogo

And brought into the ï'Vorld a world of woes p

E nel mondo recô di mali un mondo ;

e in parecchx altri, che non glî mena buo-
ni ii giudizioso suo comentatore Addisono,
Ma ecco che suonano le due della notte9
e Arlecchino mi aspetta a san Luca ; e vi
so dire che mi diverte taivolta assai più
una sua felice storpiatura di parole, che
non mi rendono ammirazione i più studia-
îi bisticcj dei mondoo
loading ...