Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 9): Lettere Varie; Parte 1 — Venezia, 1792 [Cicognara Nr. 3-9]

Seite: 291
DOI Seite: 10.11588/diglit.28029#0299
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1792bd9/0299
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
V Α Ά î E . âgi

elie pare esser lei disfusa in tutti i corpi,
avere nei movimenti e nelle operazioni lo*
ro una parte grandissima, e quasi potreb»
be dirsi col nostro Dante ,

La forza di colei, che tucto muove,

Per tuniverso penetra e risplende
In una parte pià, e meno altrove »

Non mancano, come iodiceva,, e come
a lei è ben noto, fortissime analogie per
credere ch’ ella sia la causa del fulmine
dell’aurore boreali delle trombe di mare
de’vulcani de’ tremuoti e de’più gran feno-
meni della natura, ch’ella sia in somtna una
di quelle proprîetà chiamate cosmiche. E
con grandissima ragione ebbe a dire Fonte-
nelle, quando da prima il Dufay recô la
elettricità di qua daimare , ch’ella era ua
picciolo fenomeno, che avrebbe avuto un
giorno di grandi conseguenze. La elettrizza-
zione accelera la vegetazione delle piante e Ia
emissione dei ssuidi, accresce la traspirazio-
ne insensibiie ; è una di quelle invenzioni,
che, come dice il Davanzati, fa trottar la
natura ; nè pare si possa oramai metter in
dubbio ch’ ella non sia un possente rirne-

T 2 dio
loading ...