Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 9): Lettere Varie; Parte 1 — Venezia, 1792 [Cicognara Nr. 3-9]

Seite: 295
DOI Seite: 10.11588/diglit.28029#0303
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1792bd9/0303
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
Υ Α Β. ι έ . ag5

condo a mezzo giorno, e il terzo dopo mez*
zo giorno senza gran molestia e senza do-
lori. II giorno trenta dell'istesso mese fu
ritentata la esperienza in modo che la elet-
îricità, la qual moveva da una palla di ve-
tro di sedici once di diametro, dovesse ope-
rare con maggiore effîcacia. Alle quattr’ore
dopo mezzo di furono posti sulla macchina
due ragazzi ; l’uno di dieci, l’altro di un-
dici anni. Giascuno di essi teneva nelle
mani varj pezzetti di gomma gutta, il cui
peso montava a tre once; e questi pezzet»
ti erano raccomandati ad un foglio di car-
ta, che si accartocciava intorno aile lor
mani. La catena cingeva loro il collo : e
ci era chi con una chiave andava eontinua»
mente stuzzicando alla estremità della cate-
na le scintille elettriche. In tal modo fu»
rono elettrizzati per lo spazio di diciasset-
te minuti ; e lasciatili stare dieci minuti,
venuero rimessi sulla macchina, e elettriz-
zati di bel nuovo per lo spazio di altri quin-
dici minuti. La sera il ragazzo di anni die-
ci ehhe un ordinario scarico di ventre : un,
simile ne ebbe il giorno appresso ; ed eb-
be dipoi nell’istesso giorno per quattro vob

T 4 tô
loading ...