Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 9): Lettere Varie; Parte 1 — Venezia, 1792 [Cicognara Nr. 3-9]

Seite: 325
DOI Seite: 10.11588/diglit.28029#0333
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1792bd9/0333
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
V A R I E . 02,5

mi degli Onondaga rispondendo a Mr. de
!a Barre cominciô la sua arringa in questo
modo : » Yonnondio ( con tal nome distin-
3) guono il governatore del Canadà) convien
3) dire, quando voi moveste di Quebeck,
55 che vî siate dato a credere, che il sole
« avesse abbruciato tutte le foreste che ren-
33 dono il nostro paese inaccessibile a5 Fran-
33 cesi ; ovveramente che i laghi sortiti del
33 loro letto avessero inondato il paese in-
33 torno alle nostre castella ; sicchè del tut-
33 to fosse a noi tolto l’uscirne. Si, Yon-
73 nondio, per certo voi saceste un cotal
33 sogno : e la vaghezza di vedere una cosi
33 gran maraviglia vi ha fatto imprendera
33 una cosi lunga via . Ora voi siete fuor
33 d’inganno: io, e questi guerrieri che so-
33 no qui presenti con me, siam venuti a
33 certihcarvi, che i Senekas i Cayugas gli
33 Onondagas gli Oneydoes e i Mohawkes
33 sono ancora in vita ” .

Quanto parrà strano al più delle perso-
ne, che tra nazioni da noi reputate barba-
re si trovino maniere di dire espressioni e
cliscorsi degni de’popoli più colti 5 altrettan-
to dovrà parere strano, che tra esse si tro~

X 3

vuio
loading ...