Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 9): Lettere Varie; Parte 1 — Venezia, 1792 [Cicognara Nr. 3-9]

Seite: 326
DOI Seite: 10.11588/diglit.28029#0334
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1792bd9/0334
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
Jüb L E T T E R £

vino costumi, che possono servire di co-
mento e di lume a qualche luogo di Oine-
ro, che ha pet noi deìì’ incredibile . Alla
guerra non si servono nè di tamburi nè di
trombe nè di niuna altra manrera d’instru*
menti, co’quali noi siam soliti dì governa-
re o di anirnar gli eserciti. Airìncontro
hanno tra loro degli Stentori dotati di una
maravigliosa facoltà d’accrescer la voce e
ìnnalzarìa, e nel medesimo tempo di arth
colarla in modo da farne intender le paro-
le a una distanza notabilissima : facoltà, che
aveano similmente gli eroi di Omero , e che
riesce incomprensibile per noi, i cui pol-
moni e la cui laringe non sono esercitati
a questo; siccome a’Tartari, che menano
la vita a cavallo, riuscirebbe incomprensb
bile la velocità di alcuni de’nostri pedoni,
Ma faccia di leggere ella medesima, sig.
Conte , ìa storia di cotestì selvaggi tanto
corteggiati dalle due più potenti nazioni
di Europa ; e ci vedrà il facere et pati for-
tìa de’Romanij ci vedrà tratti di saviezza
nella loro legislazione e politica, quali ap-
pena si leggono nelle storie delle antiche
nostre repubbliche. Coloro che hanno le

idee
loading ...