Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 9): Lettere Varie; Parte 1 — Venezia, 1792 [Cicognara Nr. 3-9]

Seite: 331
DOI Seite: 10.11588/diglit.28029#0339
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1792bd9/0339
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
V A R. I E . 35l

ta dai più fiero scorbuto, di cui nella sto»
ria medica yenga fatto menzione . Con si
deboli ajuti, e ayendo a fronte tutte le for-
ze dei nuovo mondo ayvertito già del suo
arrivo in que’mari, fa disegno d’impadro-
nirsi di Paita, o di qualche altra ricca cit-
îà di quelle costiere ; di prendere il gros-
so vascello di Maniglia, il più ricco che
navighi, per cui l’America viene a trafsi-
car direttamente con l’Asia. Ma ciô non
glibasta; che pure atutt’aitri sarebbe sta-
ΐο di soverchio . Caso che Γ ammiraglio
Vernon avesse felicemente condotto dall’
altra banda dell’America l’impresa di Car-
tagena, sa disegno ancora d’ impadronirsi
di Panama, di porsi a cavaliere tra il Mes-
sico e il Perù, e cosï di un colpo abbat-
tere nel nuovo mondo lo sterminato pote-
re della Spagna.

Non molto tempo dopo conchiusa la pa-
ce di Passarowitz Giovanni Emo si trova
Bailo alla Porta, quando avvenne il caso ,
che in Venezia fu da una banda di solda-
ti dalmatini messa a fuoco una tartana di
Dulcigno, conl’uccision della ciurina . Re-
catane la nuova a Costantinopoli, e venu-

tiyi
loading ...