Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 9): Lettere Varie; Parte 1 — Venezia, 1792 [Cicognara Nr. 3-9]

Seite: 335
DOI Seite: 10.11588/diglit.28029#0343
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1792bd9/0343
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
Υ Α Η ϊ Ε .

535

Α L S 1 G Ν Ο R

FRANCESCO Μ.Α ΖΑΝΟΤΤΙ

Α BOLOGNA.

Cavallina 26. luglio 1757.

Ij'Li elegantissimi yostri commentarj no-
vellamente usciti sono il giardino, dove io
da più giorni in «jua vo passeggiando in
questa villa : e non sono già di quei giar-
dini, dove un parlerre ne riflette un al-
tro, un viale ha in faccia il suo compa-
gno, ogni cosa è uniformità. Sono giardi-
ni all’inglese variati di ogni naturale bel-
lezza. Mi ci avete anche voluto, gentil-
mente nominandomi, elevare una statua,
o piuttosto centum potiore signis munere
donas * Tra le singolarità, che con non pic-
ciol mio diletto ci ho trovate , è quel pa-
radosso : che quantunque le cose tenute al
sole, e poi recate al bujo, risplendano ;
quanto più sieno state tenute al sole, tan-
to risplendon meno : cosiechè la luce, che
loading ...