Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 9): Lettere Varie; Parte 1 — Venezia, 1792 [Cicognara Nr. 3-9]

Seite: 344
DOI Seite: 10.11588/diglit.28029#0352
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1792bd9/0352
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
544 L E T T E R. E

fora da nostri buoni autori? No certamen»
te ; troppo ella ha delio strano e del duro »
Che usata pur l’avesse un qualche seicerx-
tista, io vorrei rispondere; e pure sembra
B. me che ilPetrarca, il Petrarca veramen-
te terso aggiustato casto . . . Ma come non
cangiô e-gli di colore, et vox faucibus hæ-
sit, quando se gli fece finalmente vedere
nel suo medesimo Petrarca del Rovillio del
i554-, che è pure il citato dalia Crusca
nel capitolo I. del Trionfo della Fama ver-
si 106. e iQj.

Lucio Deutato, e Marco Sergio, e Sceva
Qiiei tre folgori, e tre scogli di guerra.

Che dovremo dire di costoro ? Quello ch©
dice il nostro Dante di quelle anime ozio-
se e pigre, che faceano un gran tumulto :

Farna di loro il mondo esser non lassa; t
Misericordia, e giustizia gli sdegna:
JSon ragioniam di îor ; ma guarda e passci

Infattî per quanto e’ragionino di loro tra
loro, non ne vuole per tutto questo ragio»
p.are iirnondo, che * è un po’più. grandiceP

so h
loading ...