Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 9): Lettere Varie; Parte 1 — Venezia, 1792 [Cicognara Nr. 3-9]

Seite: 348
DOI Seite: 10.11588/diglit.28029#0356
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1792bd9/0356
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
re ; e ciò sarebbe di vedere sul teatro o
il mio Enea in Troja, o la mia Ifigenia ut
Aulitle, clie sono alla Hne del mio Saggio
come il paragone de'miei pensamenti. Con»
verrebbe perciô , o che voi dallo scenario
del primo ne ricavaste il dramma, o dalla
prosa francese ne rivoltaste l’altra in versi
italiani : e questo si sarebbe il caso, che
Fautore fosse ginoccluoni dinanzi al tradut-
tor suo, come scriveva Fontenelle al car-
dinale Albani, che volgarizzô i suoi Mon-
di. II mio desiderio è superbo ; ma è il
desiderio che ha un padre di produr nel
mondo i proprj figliuoli, e di produrveli
sotto la direzione di un Mentore qual sie-
te voi, e in una corte spiritosissima, e fat-
ta per dar legge, com’è quella di S. A. R. $
tentazioni tutte troppo grandi, perchè non
vi soccomba l’amor proprio, quel mobile
primo delle azioni dell’uomo .

Io sono pieno di ammirazionç ec.
loading ...