Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 9): Lettere Varie; Parte 1 — Venezia, 1792 [Cicognara Nr. 3-9]

Seite: 350
DOI Seite: 10.11588/diglit.28029#0358
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1792bd9/0358
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
53o L Ε Τ Τ Ε R Ε

per quanto vienmi riferito, Faltra manca
di alcuni. Sopra di che, dice ingegnosa-
mente il Secretario delF Accademia, che
più perfetti potranno parere ai più i pri-
smi cli crislallo d’Islanda, se più perfetto
dee chiamarsi quello che meglio risponde
ai concetti, che l’uomo s’è formato in men-
te : ma se per avventura più perfetto fos»
se quello, che ha in sè delmirabile, e ciô
ne insegna, che è fuori delFusato corso
delle cose, ed è una eccezione clelle leg-
gi di natura ; forse più perfetti dovranno
tenersi i prismi di cristallo di rocca : se
pure è vero , egli aggrurige, che in una
delle immaeini non mostrino tutti i colo-

D

ri. E ben egli, come giudizioso e dotto
ch’egli è, ebbe gran ragione di dubitarne t,
poichè se il prisma delFInstituto non mo*
stra in amendue le immagini tutti e sett©
I colori agli occhi dei più , già non îi puô
nascondere agli occhi dei pochi, che den-
tro ve gli hanno saputi vedere. Fatto è,
che per la doppia sua refrazione dipinge
due immagini come fa un prîsma d’islan-
da . Ma perchè nel cristallo di rocca la dif-
ferenza tra le due refrazioni non è tanta

come
loading ...