Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 9): Lettere Varie; Parte 1 — Venezia, 1792 [Cicognara Nr. 3-9]

Seite: 351
DOI Seite: 10.11588/diglit.28029#0359
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1792bd9/0359
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
Y A ït I E . 551

tome in quello d’Islanda, per questo non
sono le due immagini separate del tutto e
distanti tra loro , come appunto , non ostan-
te ia doppia refrazione, non appariscon dop»
pj i caratteri d’una sorittura txuguardati per
esso prisrna. Si accavallano adunque insie-
me le due immagini · ed ecco come il vio-
lato Findaco eTazzurro delîa immagine in-
feriore, refrangendo il prisma di basso in
aîto, abbiano a confondersi col giallo col
clorè e col rosso della immagine superiore :
e ciô appunto succede; come potreste an-
clie yedere in un inio sigillo di cristalîo
di rocca tagliato a foggia di prisma. L’una
delle due immagini si crederebbe mancan-
te di due o tre colori ; e nell’altra alcuni
altri si mostrano più carichi, che essere
non sogliono . E già il rosso il giallo e ii
dorè divenuti più pieni, e volgendo al por-
pora per îa mescolanza clelFazzurro e del
violato , fanno pur la spia di quello che è .
E îo mette fuori d’ogni quistione il seguen»
£e esperimento. Appresso il prisma di cri-
stailo di rocca se ne ponga uno di vetro
ordinario, che sopra una delle sue facce
nceya i raggi ch’escono da quello : ma do-

ye
loading ...