Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 9): Lettere Varie; Parte 1 — Venezia, 1792 [Cicognara Nr. 3-9]

Seite: 362
DOI Seite: 10.11588/diglit.28029#0370
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1792bd9/0370
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
38à L E T T E H È

gistrate nel primo tomo di questa nostrâ
accademia , già non guadagnerebbe terreno
con essi. Ella si potrà ricordare, che fat-*·
ti degli ecclissi artifiziali col porre in faccia
del sole dei globi di varie materie, pur si
vedeva intorno ad essi uno anello lumino-
so ; si veniva a ingrandire apparentemente
il diametro dei soie, quando pure giusta
il calcolo trigonometrico dovea essere per-
fettamente occultato da detti globi, Ciô
non faria nulla, come io diceva, eon tali
filosoii. Essi hanno la risposta bella e pron»
ta: che dalle atmosfere di quei globi ven-
gono ad essere refratti i raggi del sole ,
che le penetrano, e vi passano da banda
a banda,

Ma ecco un colpo , a cui non so se avran-
no la parata. Lo Stancari non si contentè
di provar la cosa con un globo , che la pro-
YÒ altresi con un cerchio dicartone; e 1 o
tìtesso anello pur continuô a vedersi. E ben
questo si puô chiamare per la disfrazione
experimentum crucis. Poichè in ainendue
i casi, posta essa dissrazione come causa
della inssession dei raggi, dee avvenir lo
stesso ; e dee nel globo avyenire una cosa,

e un?
loading ...