Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 9): Lettere Varie; Parte 1 — Venezia, 1792 [Cicognara Nr. 3-9]

Seite: 363
DOI Seite: 10.11588/diglit.28029#0371
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1792bd9/0371
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
Y A R î E . 5^65

e im’altra nel cercliio, posta la resrazio-
ne. L’atinossera del globo è globosa, ed
è più densa dell’aria, da cui è cinta tut-
to intorno. Fa dunque le veci di una sfe-
ra di un mezzo denso posta in uno men
denso, come sarebbe del vetro nelbacqua.
Dee adunque refrangere i raggi del sole ,
che vi dan su, buttandoü verso un foco
e dentro l’ombra del corpo, ch/ella rive-
ste. L’atraossera poi del cerchio è coine
una laminetta di vetro nell’ acqua , che
avendo le facce paralelle, dee restituire i
raggi che la penetrano paralelli a sè me-
desirni, e non torcerli per niente. Ecco
adunque nell’un caso diminuita Fombra
per la refrazionee nell’altro no. Ma per
la diffrazione dee sminuirsi l’ombra, e in-
grandire per conseguenza il diametro del
sole, tanto nel caso del globo quanto dei
cerchio „ Che è ciô che nel globo opera
su’raggi, che lo rasentano ? non altro , o
quasi che la circonferenza del circolo mas-
simo dellasfera, a cui sono tangenti; poi-
chè le altre parti del globo declinando
di qua e di là , e allontanandosi da essi
raggi, non hanno presa sopra di essi. E,
loading ...