Algarotti, Francesco  ; Algarotti, Francesco   [Hrsg.]
Opere Del Conte Algarotti (Band 10) — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-10]

Seite: 5
DOI Seite: 10.11588/diglit.28030#0013
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd10/0013
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
V A R I E ,

5

Perchè veston di seta, e non di panni,
Son spettabili viri, ognun li guarda,
Son come fra gli uccelli i barbagianni.

Con quello che siegue :

Chi vuol, che le persone non sien sane,
Dice, che lo studiar ci fa beati,

E la scienza delle cose strane.

E qui gridan le regole de Frati,

Che danno V ignoranzia per precetto,

E 71071 voglioLi, che mai libro si guati.

Disse U7i tratto Alcibiade a suo Zio,
CÌÌ avea di certi cotiti dispiacere :

Voi siete pazzo per lo vero Dio .

Lasciatevi pensare a chi ha avere,

O qualche rnodo più presto trovate,

Ch’i creditor 71071 gli abbia^io a vedere.

Perchè poi che gli ha fatti loro Iddio,
Chefa le corna, e V unghie agli animali,
Convien ch’io abbia pazie^iza anch’io.

A 3 Que-
loading ...