Algarotti, Francesco  ; Algarotti, Francesco   [Hrsg.]
Opere Del Conte Algarotti (Band 10) — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-10]

Seite: 9
DOI Seite: 10.11588/diglit.28030#0017
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd10/0017
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
V A R I E .

9

A L S 1 G N O R

AGOSTINO PARADISI

A R E G G I O.

Bologna. 4* ottobre 17^9.

H O ricevuto questi passati giorni la let-
tera sua in una villa, donde io poteva es-
sere in certa maniera con lei anche con
Focchio. Aggrottando le ciglia,

Come vecchio sartor fa nella cruna,

io ne poteva distinguer Reggio, che con
le sue torri e la sua cupola vedevasi ad
ora ad ora spuntar fuori dalForizzonte. La
villa, donde io signoreggiava tanto paese,
si chiama Pradalbino, cara alle ninfe e ai
silvani, e cara altre volte a monsignor Bec-
cadelli arcivescovo di Ragusa , che fu trH
gentili spiriti del cinquecento, e di cui ab-
biam una vita del Petrarca scritta senza la
minima ombra di affettazione .

Quivi ho letto lasuapoesia, che son si-

curo
loading ...