Algarotti, Francesco  ; Algarotti, Francesco   [Hrsg.]
Opere Del Conte Algarotti (Band 10) — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-10]

Seite: 41
DOI Seite: 10.11588/diglit.28030#0049
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd10/0049
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
V A - R I Ë . 41

li, si avvisano di un’invenzione veramen-
te diabolica. Satano inventa le artiglierie,
delle quali fa prova nella seconda battaglia
che si dà in cieio . Le artiglierie non of-
fendono gli angioli, è vero, ma li fanno
cadere a terra a mille a mille ammonzic-
chiati gli uni sopra gli altri , angeli sopra
arcangeli. Talchè la fortuna della giornata
incìinava di molto, e quasi della vittoria
era fatto, se gli angeli non si avvisavano
anch’essi di un’altra invenzione o stratagem-
ina; e questa fu di andare, e svellere si-
no dal fondo e dalle loro radici le monta-
gne con le foreste, i fiumi e le altre co-
se che vanno insieme, e presele per la cL
ma gittate non le avessero sopra i canno-
ni del nimico; con che vennero a sobbis-
sare ogni cosa . Dove il poeta col voler
far grande l’idea ia fa divenir puerile. Non
credete voi, che se la maravigliosa proprie-
tà che hanno i polipi di riprodursi in al-
îrettanti polipi, in quante parti vengono
tagliati, fosse stata scoperta nel passato se-
colo , non ne avesse in tal frangente fat-
to uso il Miltono , come egli ali’occasio-
ne ha fatto uso di tante altre dottrine, che

cor-
loading ...