Algarotti, Francesco  ; Algarotti, Francesco   [Hrsg.]
Opere Del Conte Algarotti (Band 10) — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-10]

Seite: 48
DOI Seite: 10.11588/diglit.28030#0056
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd10/0056
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
48 L E T r i: n e

gli altri alla terza, e Enalmente poco me*
no che segnato si trovò tutto il margine *
Insomma io reputo V. Pi. felice di non
aver letto ancora quel libro , come fu det-
to di colui, che non avea letto Don Chi-
sciotte . Ma ben infelici siam noi > che siam
qui rimasi orbi della sua compagnia. Non
ci è ordine di persone, a cui non abbia
lasciato V. R. un desiderio grandissimo di
sè; e non è reputato gentile chi non Pha
conosciuta, e chi di lei non parla e ragio-
na. A questo conto io non la cedo a chi
che sia in gentilezza, come non la cedo a
persona nel cercare, onde mostrarle quan-
loading ...