Algarotti, Francesco  ; Algarotti, Francesco   [Hrsg.]
Opere Del Conte Algarotti (Band 10) — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-10]

Seite: 92
DOI Seite: 10.11588/diglit.28030#0100
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd10/0100
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
93 L E T T E R E

potrei io farlo . Quantunque amator dellâ

villa, piuttosto che il

Quidfaciatlcbtas segetes, atque horrea vincat,

10 vi cerco

Hivos, et musco circumlita saxa, nemusque <

11 libro , che ha pubblicato monsieur Du-
hamel sopra la cultura della terra, ne la
potrà instruire abbastanza . .Ella pur sa , che
i Francesi non fanno quasi altro cogli spec-
chiatissimi loro libri, che riflettere la luce
inglese. Ne la potrà ancora instruire in
buona parte un libretto italiano stainpato
alla fine del passato secolo in Lucca col
titolo Carro di Cerere. Di esso è molto pro-
babile, ch’abbia fatto suo profitto il novel-
lo Trittolemo di Britannia.

Una gran parte del nuovo metodo con-
siste nel modo di seminare. ' II contadino
gittando ia semente a inano ècagione, che
moltissima rie vada a male , e non porti
frutto . Parte ne va troppo sotto terra , e
non può altrirnenti sentire il dolce inssus-
so delle rugiade e delsole; parte ne vesta
a fior di terra , ed è o divorata dagli uc-

celli,
loading ...