Algarotti, Francesco  ; Algarotti, Francesco   [Hrsg.]
Opere Del Conte Algarotti (Band 10) — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-10]

Seite: 95
DOI Seite: 10.11588/diglit.28030#0103
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd10/0103
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
V A R I E . g5

sacilmente tra solchi già lavorati potesse sup-*
plire alla lunga opera dellemani, e quelio
eseguire speditamente, che faceano stentata-
mente e con poco garbo i telari del Lana.

L’asse del carretto è un subbio, o cilin-
dro girevole, in cui sono fatti in debita
distanza dei cavi in altrettanti piani para-
lelli a quello delle ruote del carretto. Da
quei cavi escono i granelii della semente,
che sono contenuti in una tramoggia posta
sopra il subbio, il quale fa le veci del fon-
do della tramoggia medesima . Rasente al
subbio sono congegnati certi bastoncelli ,
che armati in punta da due lamette di fer-
ro si Lccano dentro a terra , e, secondo
che il carro è tirato avanti, aprono nel sol-
co altrettanti rigagnoli. Da quei bastoncel-
li, che dentro son cavi, sono convogliati
in terra i granelli della semente, e vi so-
no seppelliti a quella profondità che con-
viene. Un rastrello dipoi, o un altro sub-
bio, che si tira dietro il carretto, ricopre
i granelli, e vi spiana sopra la terra : di
modo che tal macehinetta fatta con tutte
quelle avvertenze che bisognano, e di una
simplicità grandissima , risparmia al conta-

dino
loading ...