Algarotti, Francesco  ; Algarotti, Francesco   [Hrsg.]
Opere Del Conte Algarotti (Band 10) — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-10]

Seite: 108
DOI Seite: 10.11588/diglit.28030#0116
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd10/0116
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
io8

L E T T E R E

A L S 1 G N O R

ROBERTO RUTHERFURD

A L I V O R N O .

Pisa 19. marzo 1762*

Egu non si può dubitare, come si dice-
va questi passati giorni ch’ella mi fece go-
dere l’amabile sua compagnia qui inPisa^
che tra tutte le nazioni di Europa i Tosca-
ni non sieno stati i primi a risvegliarsi dal
sonno, dirò cosi, del gotieismo. Per essi
risorse la musica la pittura la poesia Par-
chitettura l’arte della guerra . Nè già essi
furono gli ultimi a dare opera a’ coinmer-
cj ed al trafhco, per cui tanto crescóno
le città, e fannosi potenti gi’imperj.

Una cosa abbiamo però scordato di an-
noverare tra i pregi dei Toscani, il che
forse fu in lei efsetto di modestia , e ciò
è, che essi furono i primi a voitare in ita-
liano libri inglesi, e a far circolare nella
nostra lingua le ricchezze della dotta sua

pa-
loading ...