Algarotti, Francesco  ; Algarotti, Francesco   [Hrsg.]
Opere Del Conte Algarotti (Band 10) — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-10]

Seite: 149
DOI Seite: 10.11588/diglit.28030#0157
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd10/0157
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
V A R X E . 1%

na quella e sommamente faceta : 5) Arrigo
promotore delle manifatture di seta in
» Francia, Luigi in Inghilterra ” .

Che se i suoi episodj non sono sempre
instruttivi, nascono però dalla materia, e
sono di molto diletto cagione ; come quel-
lo, che gli fa riferire quei graziosissimo lo-
ro epigrammetto » L’abbigliarti , o Filli ,
i) di tanto buon gusto è pur la barbara usan-
« za. L avvelenare un dardo , troppo di
?> già appuntato per sè medesimo, e mici-
» diale ”.

Ottima si mostra da per tutto la sua mo-
rale, amica della vìrtù, e dentro a'debitv
confini benevola, quale si conviene al cit-
tadino e all’ uomo ; e per niente sforzata ^
quale 1’ asfettano sovente i filosofi.

Quello poi, che neila sua bruttezza, di-
rò così, innamora, è il modo, con cui ne
parla egli medesimo . Chiaro si conosce ,
che egli ne avea preso partito, come del-
ia vergogna avea fatto il Margutte del pia-
cevole nostro Pulci. Se tu sei il primo a
burlare sopra i tuoi difetti, chiudi la boc-
ca a coloro che te li vorrebbono buttare
in faccia, e disarmi ia critica . Cosi appun»-

K 3 to
loading ...