Algarotti, Francesco  ; Algarotti, Francesco   [Hrsg.]
Opere Del Conte Algarotti (Band 10) — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-10]

Seite: 153
DOI Seite: 10.11588/diglit.28030#0161
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd10/0161
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
V A R 1 E . l55

de'miglion ingegni, che abbia clato il sot-
til cielo diScozia. Ne fu ella in ogni età
fecondissima, e in questi ultimi tempi ne
fu cortese dello inventore dei logaritmi,
conte di Neper; del Monro , a cui tanto
deve cosi la medicina, come la notomia ;
del Blackewel, uno de’più ingegnosi erudi-
ti che stati m'ai sieno ; del Maclaurin pro-
fondissimo geometra ed espositore felicissi-
mo delle neutoniane dottrine ; dello Hume ,
che con tutta ragione si può chiamaxe il
principe degli storici e de’hlosoh del secol
nostro .

Parmi tant de heros je n ose vous nommer.

La sua modestia melvieta; ma chiunque
vede l’uso ch’ella fa della bella sua libre-
ria , e 1’ ode ragionare sopra qualunque sog-
getto, ben si accorge che troppo ritrosa è
cotesta sua modestia .
loading ...