Algarotti, Francesco  ; Algarotti, Francesco   [Hrsg.]
Opere Del Conte Algarotti (Band 10) — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-10]

Seite: 159
DOI Seite: 10.11588/diglit.28030#0167
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd10/0167
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
Y A R I E . l5g

ne anch'io asegno, che tra qualche setti-
miana io fo ragione di ripassare in Lombar-
dia. Mi riserbo all’anno venturo il piacere
di rivederla, e di godere della amabilissi-
ma sua compagnia, che già era le mie de-
lizie in Dresda. Mi duole, che ella rasso-
miglia ad Omero e al Miltono anche nella
cecità ; basta bene rassomigliar loro , com’el-
la fa, nel dono del canto. Pur nondimeno
rni piace di vedere, che non ostante tale
disgrazia, il suo umore è allegro e tranquil-
lo . Desidero ch’ella continui sempre in ta-
le beata disposizion d’animo; e pieno di
gratitudine e della più perfetta stima ho V
onore di sottoscriyermi.
loading ...