Algarotti, Francesco  ; Algarotti, Francesco   [Hrsg.]
Opere Del Conte Algarotti (Band 10) — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-10]

Seite: 165
DOI Seite: 10.11588/diglit.28030#0173
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd10/0173
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
Y A R I E .

i65

A L S I G N O R

ANTONIO ZANON

A ÏE8E214,

Firenze 24* ottobre ij63.

MoLT o buona compagnia mi ha tenuto
il suo iibro durante il cammino da Bolo-
gna a Firenze. Fefellit iter in modo, che
quelle otto o nove poste che sieno, mi par-
vero cinque o sei leghe. Ella ha fatto mol-
to bene di non fraudare il pubblico deil’
opera sua, perchè non iscritta secondo i ri-
gorosi dettami della Crusca. Chi dice co-
me lei delie cose utili e buone alla civile
società, può fare senza le belleparole. Egli
è certo, che un gran piacere è leggere il
Davanzati il Soderini il Redi il Magalotti
l’Alghisi, e sopra tutti il gran Galilei, che
alla sodezza della materia unirono le grazie
dello stiie ; ma egli è anche un gran pia-
eere udir lei esortare i suoi concittadini a
vestir d’alberi il Friuii, come deli’Asia mi-

L 3

nore
loading ...