Algarotti, Francesco  ; Algarotti, Francesco   [Hrsg.]
Opere Del Conte Algarotti (Band 10) — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-10]

Seite: 181
DOI Seite: 10.11588/diglit.28030#0189
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd10/0189
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
V A R I E .

181

A L S I G N O R

EUSTACHIO ZANOTTI

A EOLOGNA.

Firenze 5. novembre 1 j65.

Î..JON diletto grandissimo rammento anch’io
iltempo, che già passammo insieme in ri*
va d’ Arno . Cosi quel tempo rinovellar si
potesse presentemente ! Moltissime cose per
altro allettar vi dovrebbero a superar di nuo-
vo TApennino : il piacere che fareste a tut-
ti i dotti di Toscana, quello che fareste
a me, quello che avreste in rivedere que-
sta bella e culta città. Ma in qualità di
astronomo chiamar pur vi dovrebbe il più
grande istrumento di astronomia, che qui
fu costruito ne’passati secoli, e fu non ha
molti anni rettificato e ridotto a perfezio-
ne ; talchè da picciol tempo solamente in
qua egli può veramente servire all’uso per
cui fu fatto , ed è degno degli sguardi di
voi altri celicoli. II gnomone si è questo

M 5 di
loading ...