Algarotti, Francesco  ; Algarotti, Francesco   [Hrsg.]
Opere Del Conte Algarotti (Band 10) — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-10]

Seite: 184
DOI Seite: 10.11588/diglit.28030#0192
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd10/0192
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
i84 Lettere

Ogni deviaraento è ora tolto daH’iudustria
del padre Xiraenes, il quale ha ridotto la
tangente del gnomone nel vero piano del
meridiano, e ha reso all’astronomia un im>
portantissimo servigio . Potè per via di ta-
le strumento determinare colla maggiore
esattezza l’obbliquità della eclittica; e con-
froutate le sue osservazioni con alcuna del-
le antiche , non senza tutti i più scrupolo-
si avvertimenti in tal inateria tanto neces-
sarj, trovò aoch’egli, che l’angolo che es-
sa fa con i’Equatore , va tuttavia scemando,
e il decremento seeolare di quello essere
di ventinove secondi, che il nostro Man-
fredi avea trovato di trenta ,* congruenza
mirabile ( non è egli vero)? in così dilica-
te osservazioni, e che assicura più che mai
all'Italia la decisione di questa gran lite
astronomica .

Più d’una volta ho visitato , come ben
potete credere, il chiarissimo padre Xime-
nes, che dalla sua prefettura di Bientina
è novellamente ritornato alla bella ed ele-
gante specula da lui fondata in Firenze. I
discorsi, più che della terra o dell’acqua,
erano del cielo. Ragionando un tratto con

esso
loading ...