Algarotti, Francesco  ; Algarotti, Francesco   [Hrsg.]
Opere Del Conte Algarotti (Band 10) — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-10]

Seite: 209
DOI Seite: 10.11588/diglit.28030#0217
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd10/0217
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
V A R I E • 20 g

essi lo chiamarono la futura grandezza del-
la nascente accademia. Disse, che per le
segnalatissime e gloriosissime operazioni sue
sarebbe stata un giorno celebrata per la più.
famosa, per la più grande e la più poten-
te accademia, che mai sia stata alla memo-
ria degliuomini. Nè è maraviglia, che co-
si esser dovesse, egli aggiugneva, poichè
nel giorno della fondazione sua ebbe prin-
cipio l’universo; in quel giorno medesimo
per la salute umana s’incarnò il hgliuolo
di Dio; in quel di ebbe il suo natale la
città di Firenze; e in quel di il gran Du-
ca allora regnante , e di quella accademia
singolar protettore , ebbe il suo nasciinento .

Yiene inoltre notato dalli conteinporanei
scrittori come una mirabil cosa e degna di
essere tramandata alla posterità, che il cie-
lo si mostrò molto a quella impresa favo-
revole ; perciocchè essendo molto piovuto
per molti di continui, il giorno fu si lie-
to tranquillo e sereno, che sotto il cielo
scoperto poterono in mezzo a bellissimi frut-
ti dirittissimi pergolati e verdissimi prati de-
sinare.

To; X

O

JSocie
loading ...