Algarotti, Francesco  ; Algarotti, Francesco   [Hrsg.]
Opere Del Conte Algarotti (Band 10) — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-10]

Seite: 225
DOI Seite: 10.11588/diglit.28030#0233
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd10/0233
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
V A R I E .

2s5

A L MEDESIMO

A F I R E N Z E.

Bologna 22. luglio 1760.

Egei è cosi lungo tempo ch’io clebbo ri-
sposta alla sua lettera deJ 6. roaggio, ch®
quasi la vergogna mi tentava di non più
rispondere. Ma hnalmente ha vinto inme,
come era ben dovere, il piacere di tratte-
nermi con lei , e di ringraziarla del dise-
£rno mandatomi.

V

Io sono in tutto e per tutto del suo pa-
rere sopra il cattivo aspetto che rende quel-
la imboccatura , di cui mi ha disegnato
uno schizzetto, e la rottura delli membret-
ti dell'arco cagionata dalla cornice e dal
capitello corintio che gli è allato : e vorrei
pur esser seco per meglio poter ragionare
di simili cose con lei in sulla faccia del
luogo .

Non so se sia costi capitato un nuovo
libro sopra le antichità di Atene pubblicato
To: X. P ul-
loading ...