Algarotti, Francesco  ; Algarotti, Francesco   [Hrsg.]
Opere Del Conte Algarotti (Band 10) — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-10]

Seite: 228
DOI Seite: 10.11588/diglit.28030#0236
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd10/0236
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
328

L E T T E R È

A L MEDESIMO

A F 1 R E N Z E,

fiologna 4- settembre ij6o*

I O mi aspettava ogni momento a riveder-
la qui, e cosi ho tardato a rispondere alla
gentilissima sua lettera dei 26. dello scor-
so luglio. Spiacemi ch’ella non sia venu-
to , ed anche me ne dispiace il motivo , ben-
chè è da sperare che il picciolo Maurino
resisterà bravamente anche la seconda vol-
ta alla malignità delvajuolo. Non ci è Prin»
cipe nè Ministro intendente delle cose bel-
le, a cui io non sia per proporla con tut-
to l’animo; ben sicuro ch’ ella mi farà sem-
pre onore grandissimo, e più ancora ne fa-
rà a iei medesimo.

Io sono un poco geloso ch’ ella abbia fat-
to nella sala di cotesto sig. marchese Ge-
rini i cassettoni esagoni della mia prospet-
tiva. Ma tal gelosia non mi dà molto da
pensare : da che son sicuro che il suo amo-

re
loading ...