Algarotti, Francesco  ; Algarotti, Francesco   [Hrsg.]
Opere Del Conte Algarotti (Band 10) — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-10]

Seite: 230
DOI Seite: 10.11588/diglit.28030#0238
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd10/0238
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
iaoo L E T T E R È

beila prova perchè meglio si veda un qua-
dro che sarebbe desiderabile non si vedes-
se punto. Io me ne sono doluto col debo*
le Sansone. Mi Iia detto che simile cosa
si vede in nou so qual cappella del Colon-
na. Gli ho risposto che gli uomini grandi
bisogna imitarii nelle cose buone, non nel-
le c. . . . ch’e’possono aver fatto . A pro-
posito del Colonna , oh ! che beiia prospetti-
va ho veduto di iui nel giardino del p. reg-
genteVaccari a san Francesco. Dico bella ,
perchè il dipinto è veramente una mera-
viglia .

Due prospettive ha fatto ultimamente il
Bibiena una in casa Legnani, e 1’ altra a

san

ti giocar per modo , che riesce un vero in~
ganrto ; ne' muri laterali vi sono cjuattro nic~
chie, con altrettante, statue maggiori del na-
turale j, e cjueste sono pure di mano del Te~
si ; . . . Solo, è da dolersi che in assenza

di' Maurino venisse tagliato 1’ architrave do~
rico , cK era sopra il cjuadro dell’ altare di
c/uesta cappella ; e di cib su cagione il vo~
lersi che piu andasse locato in alto il cjua-
dro medesimo .
loading ...