Algarotti, Francesco  ; Algarotti, Francesco   [Hrsg.]
Opere Del Conte Algarotti (Band 10) — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-10]

Seite: 232
DOI Seite: 10.11588/diglit.28030#0240
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd10/0240
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
L E T T E R E

2Z2.

M LL A S 1GNORA

ELISABETTA TESI

A F I R E N Z E.

Bologtia i5. novembre 1760..

C_>on grandissimo mio piacere ho ricevu-
to la gentilissima lettera sua . Mi dà quel-
le nuove che desiderava più di sentire ,
quelle cioè della salute sua e del sig. Mau-
rino carissimo. Dico carissimo, e ìa prego
non avergelosia, perchè ad: ogni modo non
potrehbe mai scemare 1’amore ch’io ho per
lui. Vorrei sentire che fosse per ritornare
presto ; ma veggo bene che mi converrà
aver pazienza sino a Natale. E la pazien-
za è pur una delle virtù degli amanti. Mi
piace intanto di sentire ch’egli non si sia
scordato di me, e che vada facendo qual-
che disegno per amor mio . Gosa più gra-
ta non potrebbe farmi. Ella scriva , ed egli
disegni. Moltissimo mi piace ancora ch’egli
pensi di me con tanta gentilezza. Niuna

cosa
loading ...