Algarotti, Francesco  ; Algarotti, Francesco   [Hrsg.]
Opere Del Conte Algarotti (Band 10) — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-10]

Seite: 233
DOI Seite: 10.11588/diglit.28030#0241
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd10/0241
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
V A R I B . 2o5

cosa al mondo mi farà mai tanto piacere,
quanto di poter fare piacere a lui. Io ne
cercherò sempre tutti imezzi. Tempo per
me fortunato sarà quello ch'egli impiegherà
a disegnare e a dipingere per me , quando
non avrà da fare per altri. E se intanto
egli, o la famiglia hanno bisogno di qual-
che cosa, non mi lascino ozioso .

Molti cavalieri sono venuti ultimamente
da me, ed hanno tutti ammirato le belle
sue prospettive, che fanno continuamente
3a mia delizia .

Spero che non si scorderà di quello in-
terno, e di quella facciata della chiesa che
ha seco in abbozzo, le quali con la sua ac-
quarella diverranno due bellissime cose .

Ella intanto gli faccia carezze anche per
me, gli dia un bacio in nome mio, solle-
citi il lavoro di casa Gerini, e mi creda
pieno di stima, quale mi rassegno .
loading ...