Algarotti, Francesco  ; Algarotti, Francesco   [Hrsg.]
Opere Del Conte Algarotti (Band 10) — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-10]

Seite: 236
DOI Seite: 10.11588/diglit.28030#0244
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd10/0244
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
r&36

L È T T Ê R È

ALLA MEDESIMA

A FIRENZE.

Bologna 4- gentiajo 1761.

i_j A prego tirar fuori lo scatolino più re*
condito e prezioso delle carezze, e vuotar-
lo tutto per Maurino ; e ciò per dargli un
qualche segno del piacere che mi hanno
fatto i suoi disegni che ho ricevuti jer se-
ra. Quello che è colorito, e che meglio
diremo quadretto, è ammirabile. Yi sono
tinte di un sapore da non dirsi, e che so-
lo si può gustare : v’ ha dei pezzi veramen-
te hamminghi. Io ringrazio senza fine il
mio caro Maurino , che io ardo sempre più
di desiderio di rivedere. Godo che dal sig.
marchese Gapponi abbia ricevute tante fi-
nezze. Non potea succedere altrimenti es-
sendo quegli un gentilissimo cavaliere, e
amatore dei vero merito . Godo pure che
Maurino ci abbia trovato pezzi degni d’ es-
sere da lui osservati .

Le
loading ...