Algarotti, Francesco  ; Algarotti, Francesco   [Hrsg.]
Opere Del Conte Algarotti (Band 10) — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-10]

Seite: 247
DOI Seite: 10.11588/diglit.28030#0255
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd10/0255
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
Y A R I E . 247

Intanto le mando un bozzaccio, perchè
ella faccia un semplice schizzo per il fron-
tispizio dell’edizione delie mie opere che
yogliono fare in Livorno. Da piedi ci sarà
un basamento rustico con erbe sopra , dove
sarà la data dell’impressione. II resto fin-
gerà un pergolato di alloro e di mirto in-
trecciati insieme con alcuni festoni legge-
rissimi in alto ; da basso e lateralmente
al pergolato ci yanno dei termini rappre-
sentanti hlosofi, poeti ec., appiedi de'ter-
mini nasceranno de’cespugli di rose . Nel
prospetto vorrei che ci fossero le tre Gra-
zie, di cui le includo un pessimo disegno ;
ma ch’ella forse potrà trovare meglio dise-
gnate o all’ïnstituto, o dal signore Carlino
Bianconi, ma per ora basterà accennarlo
nello schizzo. Ella vedrà dietro il mio ia
bella invenzione che avevano fatto a Livor-
no, sopra quanto io ne avea scritto . Yor-
rei ancora che della medesima grandezza
ella mi mandasse uno schizzo del mio ri-
tratto in profilo e in basso - rilievo con la
lira il compasso e la civetta, in quel mo-
do che si era ferinato dopo i tanti schiz-
zi fatti a Sinigaglia . La prego ancora di an-
Q 4 dare
loading ...