Algarotti, Francesco  ; Algarotti, Francesco   [Hrsg.]
Opere Del Conte Algarotti (Band 10) — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-10]

Seite: 248
DOI Seite: 10.11588/diglit.28030#0256
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd10/0256
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
248 L E T T E H E

clare all’Instituto, e dal libro intitolato Ful-
'vii TJrsini imagines veterum poetarwn, et phi-
losophorum prendere un po’ di meraorsa del-
la testa di Orazio , che bisognerà accenna-
re sotto il detto pergolato, delle altre che
bisognano ne ho io qui i ritratti in gran-
de. Gli schizzi sarà bene fargli con un po’
di acquarella alla presta e mandarmegli pron-
tamente il più che potrà(i). II mio saggio

sopra

(1) Avremmo crecluto di deviare dall’institu-
to nostro di far servire ad ornamento della pre-
sente edizione le invenzioni pittoriche del' no-
stro autore se tralasciato avessimo cli ripro-
dure il grazioso pensiero di lui pel frontispizio
cli quella di Livorno, qual è descritto in que-
sta lettera . Noi 1’ abbiamo fatto ricopiare dal
rame istesso che ne intagliò Maurino , e che.
trovasi in poter nosti'o ; ed abbiamo la compia-
cenza di vedere che si leggiadra invenzione iiien-
te ha perduto nella delicatezza e correzion des
disegno fra le mani del nostro vaientissimo in-
tagliatore signor Francesco Novelii . Per altro
è da avvertire, e ciò a lume degli eruditi rac-
coglitori di stampe, che non in tutte le co-pie
che vanno attorno del Tomo primo della men-
tovata edizion livornese , vi è prefisso il fron-

tispi'
loading ...