Algarotti, Francesco  ; Algarotti, Francesco   [Hrsg.]
Opere Del Conte Algarotti (Band 10) — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-10]

Seite: 258
DOI Seite: 10.11588/diglit.28030#0266
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd10/0266
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
J2sòS L E T T E R E

re d’oro in oro, se fosse possibile,, doven-

dosi tra non raolto ristampare.

Mi ami e mi creda ec.

★ CD ★ ★ CD ★ o ★ O5 ★ o ★ o ★ o ★ o^ ★ o ★ o ★ o ★

A L MEDESIMO

A BOLOGNA,

Fircnze 21. maggio 1 y63:

La mia partenza seguirà senza dubbio rnar-
tedx, e mei'coledì sarò in Boiogna. Dalla quie'»
te dì Pisa sono passato a un poco di stre-
pito di Firenze , ed ora dovrei passare a
quello molto maggiore che è cagionato co-
stà dalFopera. Non so quanto questo sia
per conferire alla mia salute, trovandomi
io indebolito della persona . In ogni caso
converrà prendere il suo partito . Ilchotan»
to più. farò ora volontieri, quanto che ho
in casa Ia miglior compagnia del mondo.
Spero di trovarvi tanto in casa da potervi
campeggiare, se non alloggiare comodamen-
loading ...