Algarotti, Francesco  ; Algarotti, Francesco   [Hrsg.]
Opere Del Conte Algarotti (Band 10) — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-10]

Seite: 260
DOI Seite: 10.11588/diglit.28030#0268
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd10/0268
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
L E T T E R E

260

A L MEDESIMO

A BOLOGNA.

Firenze 1. novembre 1 y63.

M I rallegro ch’ella sia fuori dell’imbro-
glio clella Viola (1), e che possa ora atten-
dere liberamente alla diletta nostra Pioina
nntica. JNon vedo l’ora di vedere i quadret-
ti de’due Archi : mi penso che quello di
Costantino o piuttosto di Trajano sarà ora
quasi che terminato, e che presto porrà
mano a quello di Tito. Approvo rnoltissi-
1110 che in questo ella pensi di serrare ii
buco d’aria, perchè venga sempre più a ri-
lucere il basso-rilievo : nella iscrizione poi
dell’altro invece di amplificatum sarà me-
glio mettere propagatum.

II sig. console inglese a Livorno è stato

ra-

(2) Luogo di delizia appartenente alla nobil
* samiglia Scappi di Bologna , ove Maurino iru-
piegossi per qualche tempo a dipingere ,
loading ...