Algarotti, Francesco  ; Algarotti, Francesco   [Hrsg.]
Opere Del Conte Algarotti (Band 10) — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-10]

Seite: 268
DOI Seite: 10.11588/diglit.28030#0276
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd10/0276
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
s68

L E T T Ë R E

A L MEDESIMO

A BOLOGNA.

Pisa 16. dicembre ij65.

Sono privo in quest’ordiaario di sue Iet-
tere, ma iu contraccambio ho ricevuto gli
archi, che vagliono cento epistole di Cice-
rone. Bellissimi in vero, disegnati a mara-
viglia cosi i bassi-rilievi, coine gli ornainen-
îi. I fogliami sono leggiadrissimi, e i capitelli
meravigliosi, coloriti eccellentemente : ogni
giorno, da che gli ho ricevuti, me gli sono
goduti almeno un pajo d’ore. Bravo Mauri-
lio : non si può meglio (1). E quando a pri-
mavera eìla sarà qui, ella vedrà se in quel-

lo

(1) Queste duevedute, cosi altamente loda-
te dal nostro autore in questa e nella seguen-
te lettera, sono ora con altri disegni capitali di
Maurino in potere del co: di Chatani, cui il
nostro autore, come sopra si è detto , gli legò-
in testamento .
loading ...