Algarotti, Francesco  ; Algarotti, Francesco   [Hrsg.]
Opere Del Conte Algarotti (Band 10) — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-10]

Seite: 272
DOI Seite: 10.11588/diglit.28030#0280
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd10/0280
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
s73

L E T T E R E

A L MEDESIMO

A PlSTOIi,

Pisa 16. gennajo 1764.

Spero che aquest’ora ella avrà per mez-
~o del signor dottor Cilli ricevuta una let-
tera mia che spedii per uno di questi pro-
caccioni sino dalla metà della scorsa setti-
mana. Godo senza hne di sentire dalla sua
dei 9. il felice suo arrivo inPistoja, il qua-
le avrà causato gran piacere a cotesti re-
verendi. Non gli creda tauto avanti da gu-
stare un Maurino, e creda che vadano pre-
si più alla fama che altro. Non mi mara-
viglio però punto se ioro non garba gran
fatto 1’anticOj e se punto non lo assapora-
no. Mi piacerà di sentire che sorta d'idea
appresso a poco ella seguirà nel dipinto dei-
lachiesa, e sopra tutto quanto terapo ella
crederà di dovervi stare dietro (1). Pazienza

se

(z) Maurino erasi trasferito a Pistoja a dipin-

gervi
loading ...