Algarotti, Francesco  ; Algarotti, Francesco   [Hrsg.]
Opere Del Conte Algarotti (Band 10) — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-10]

Seite: 275
DOI Seite: 10.11588/diglit.28030#0283
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd10/0283
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
V A R I E .

A L MEDESIMO

A P I S T O J A,

Pisa 20. gennajo 1764*

Ella fa raolto bene qualunque cosa ella
vuole, e non dubito s’intenda di vini, co-
me sa fare di bei quadri. Se quello del
dottor Gilli è buono veramente, benchè non
possa lusingarmi sia come l’anno passato,
avrei veramente piacere di averne una mez*
za dozzina di terzini, ma niente più . Ho
piacere che ci sia stato costà chi abbia avu-
to buon naso; ond’ella non sia condanna-
to a dipingere dei cartocci, e dei zucche-
rini. La prego ringi’aziarne in mio nome
il signor Pietro Sergardi, e quel buon pre-
te, a cui è venuta la inspirazione di con-
sultarlo . Gran mercè della parte che pren-
de il mio amatissimo compare nelle mie
lodi, e in tutto quello che mi riguarda.
L’assicuro, ed ella ne deve essere persua-
so, che mi fa inhnitamente più piacere ii

S 2 pia-
loading ...