Algarotti, Francesco  ; Algarotti, Francesco   [Hrsg.]
Opere Del Conte Algarotti (Band 10) — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-10]

Seite: 280
DOI Seite: 10.11588/diglit.28030#0288
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd10/0288
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
â8o L £ T T E R. E

chi di sbrigarsi, e non muti niente, che
meglio non si puô. Mi scriva quando avrà
agio . Io le scrivo da letto, dove dô commia-
to ad una infreddatura che mi ha fatto un
po cattiva compagnia da alcuni giorni in
qua , ma grazie a Dio è passata . Mi abbrac-
ci caramente ii signor dottorCilli, per cui
ho tutta la tenerezza e tutta la stima irn-
raaginabile. A1 sig. Pietro Sergardi la pre-
go fare i miei complimenti. Addio, mio ca~
ro compare: saluti la comare ec.
loading ...