Algarotti, Francesco  ; Algarotti, Francesco   [Hrsg.]
Opere Del Conte Algarotti (Band 10) — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-10]

Seite: 285
DOI Seite: 10.11588/diglit.28030#0293
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd10/0293
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
V A R I E . a85

siate cosi bene, come fate, in cotesto vo-
stro delizioso soggiorno. Voi dormite assai
saporitamente -, voi mangiate squisitamente ,
voi passeggiate, voi mandate al diavolo quam
do vi pare e piace le xS , e le x5 : che
volete voi di più? L’uomo il piu epicureo
del mondo adoperando come voi fate, avreb-
be di che esser contento. Io mi terrei fe-
lice, se potessi fare tutte queste cose, e
specialmeate quell’ ultima, la quale in’ è vie-
tata dal vostro buon zio, che m’è sempre
allato, e non mi lascia mandar al diavolo
una x, se non quando ella è alzata a una
potestà millesima, e mi fa tirar delle tan-
genti alla peggio a tutte le curve, che si
paran davanti. Così è, sig. Eustachio mio,
noi siamo a Russo con madama, e abbia-
mo incominciato il calcolo difserenziale , ri-
mettendo lo studio dell’ottica al vostro ri-
torno. Io vado leggendo alcun poco dei
Cantellio de Romana Republica ; dico po-

co,

mo e letterato Eustachio Manfredi. Ne’Volu-
mi seguenti daremo per altro al pubblico una
non iscarsa raccolta delle pistole che questi chia-
.rissimi uomini scrissero ai co: Algarotti .
loading ...