Algarotti, Francesco  ; Algarotti, Francesco   [Hrsg.]
Opere Del Conte Algarotti (Band 10) — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-10]

Seite: 315
DOI Seite: 10.11588/diglit.28030#0323
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd10/0323
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
V A R I E .

Sl5

^ ECCELL. L'ABATE

ANTONIO CONTI

A V E N E 2 I A.

Roma 3. giugno lySg.

Se io non istimassi infinitamente V. E.,
e noQ sapessi quanto ella è stimata da tut-
ti quelli , che hanno l’onore di conoscerla,
che sono tutti queili che conoscon le scien-
ze e le cose buone, io non la incomode-
rei con questa mia per supplicarla di quel-
le raccomandazioni, che V. E. mi promi-
se con tanta gentilezza per Parigi nel tem-
po ch’io era costà. Io partirò a quella vol-
ta tra poco , dove se potrò aver i’onore di
ubbidire V. E. io vi starò certamente con
più piacere. V. E. se vorrà onorarmi, po-
trà consegnare le lettere a mio fratello , ch©
me le trasmetterà aFirenze, dove sarò tra
pochi giorni. Quanto alle novelle letterarie ,
qui abbiamo la più strepitosa , che si può
immaginar giammai, ed è che una torre

del
loading ...