Algarotti, Francesco  ; Algarotti, Francesco   [Hrsg.]
Opere Del Conte Algarotti (Band 10) — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-10]

Seite: 318
DOI Seite: 10.11588/diglit.28030#0326
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd10/0326
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
318 Lettere

lato delle asfezioni dellume, e ch’eglipen-
sa doversi sostituire al neutoniano. Certo
si, ch’io 1’ho esaminato ; e se mai il siste-
ma neutoniano mi parve conforme al ve-
ro, ciò fu dopo si fatto esame : e lo stes-
so senza clubbio parrà anco a voi, udito
quel parere, che voi mi domandate, e il
quale voi cercate da altrui, per isfuggir la
briga di questo esame voi medesimo.

Questo novello sistema è fondato sopra
certe regole generali o canoni, come i se-
guenti (1) :

Se un fondo chiaro raggerà per un mez-
zo oscuro, caso che la forza clel mezzo sia
picciola , nascerà il color giallo ; caso che
grande, il rosso .

Se un fondo oscuro raggerà per un mez-
zo chiaro, caso che la forza del mezzo sia
picciola , nascerà il color 'violato ; caso che
grande, Ï azzurro .

Questi sono due canoni fondainentali del
sisterna , i quali, se per avventura vi pa-
ressero piuttosto oscuri che altro, vi lieno

resi

(1) Vedi la prolusione del lib. 2. nel tratta-
to de Luminis affectionihus .
loading ...