Algarotti, Francesco  ; Algarotti, Francesco   [Hrsg.]
Opere Del Conte Algarotti (Band 10) — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-10]

Seite: 325
DOI Seite: 10.11588/diglit.28030#0333
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd10/0333
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
Y A R I E .

Si mette una carta bianca a'raggi del so-
le, e fra quella e l’occhio del riguarclante
si pongono due pezzuoli di girasole, l’uno
un po’discosto daii’altro . Offuscato deve
esser dall’ombra quel de’due, che è più
presso delìa carta, ei’altropiù presso dell’
occhio è tocco da’raggi delsoie. Giò fatto
avviene, che, se guardando la carta per
1 o primo vetro solamente ella paja tinta di
gialio, guardata per amendue parrà tinta
di vercie : ma se quel primo vetro sarà un
po’piu grosserelio , con che la carta guar-
data per esso paja tinta di rosso ; elia par-
rà tinta di un color di vino, guardata per
tutti e due. Dal che egli raccoglie un ca-
none : c/ie raggiando un fondo chiaro per
un mezzo prima oscuro e poi chiaro , ne ap-
parisca il color verde, se quelle cose incon-
trino, che producono il color giallo e V az-
zurro , o U giallo e il violato ; ma se incon-
trino quelle, che producono il rosso e L' az-
zurro, o il rosso e il violato, ne apparisca
un color di vino .

Ora, per dire alcuna cosa intorno aciò,
egli è manifesto per le cose discorse, che
quei primo pezzuol di yetro, che è neli’om-

X 5 bra
loading ...