Algarotti, Francesco  ; Algarotti, Francesco   [Hrsg.]
Opere Del Conte Algarotti (Band 10) — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-10]

Seite: 328
DOI Seite: 10.11588/diglit.28030#0336
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd10/0336
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
3^8 L E T T E R E

20 di vetro moltissirai raggi azzurri, alcu-
ni indachi e verdi, e pochi violati. Ghe
farà egli adunque ? ciò che comporta sua
natura senza dubbio, secondo la quale gli
azzurri gli refletterà esso pure, non meno
che iiprimo, e ne gli rimanderà indietro ;
gl’indachi e i violati li ridetterà indietro
similmente. E che interverrà egli de’ver-
di? questi gli reiletterà in parte, e in par-
te gli trasmetterà, siccome quelli, che nell’
ordine della refrangibilità si truovano esse-
re per appunto di mezzo tra gli azzurri,
che il girasole ressette di sua natura, ed i
gialli ch’e’trasmette . L’occhio adunque del-
lo spettatore collocato dietro questo secon-
do vetro, che è nell’ombra, non riceverà
altro che i raggi da esso trasmessi. Adun-
que ii colore ch’egli vedrà, sarà sempre
verde.

Dalle quali cose tutte scorgete oggimai
che consegua, cioè, non potersi a niun mo-
do da queste esperienze formar canoni ge-
nerali, s’egli è vero , che non sia iecito in
buona loica dedur da un solo particolare
un universale ; e tanto è lontano, che su
queste esperienze altri possa fabbricare un

nuovo
loading ...