Algarotti, Francesco  ; Algarotti, Francesco   [Hrsg.]
Opere Del Conte Algarotti (Band 10) — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-10]

Seite: 349
DOI Seite: 10.11588/diglit.28030#0357
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd10/0357
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
V A R I E ,

349

DEL MEDESIMO

Milano 3o. agosto 1 y58,

Ecco l’ultima lettera, che le scrivo da
Milano . Dopo la Madonna di settembre
m’avvierò versoGenova, e per li venti del
mese sarò a Pisa. Ella si prenda ogni co-
moclo per rispondere , e diriga le lettere ,
e i comandi suoi verso Ie rive del nostro
Arno. Sono stato tre settimane a Yaprio
colla casa Simonetti > e con S. A. S. che
non mi ha mai voluto lasciar partire , e mi
ha iasciato pieno di obbligazioni non sola-
mente, ma ancora di sincera venerazione
verso di un principe dotato di tutta la mag-
gioreonestà, e buon senso, e discernimen-
to . Gli si dà indiscretamente la taccia d’es-
sere un po’ prussiano, quando egli deside-
ra l’interesse comune, e venera solamente
il rnerito del re nimico . Da lui ho avuto
varie novità , mr. di Chevert s’è avanzato
senz’artiglieria a Dusseldorp, e ha minac-
ciato di prendere per assalto la piazza, &

far
loading ...